BUIO, di Emanuela Rossi. PRIMA VISIONE ASSOLUTA

I Cineclub della UICC - Unione Italiana Circoli Cinema promuovono il progetto PROIEZIONI IMMAGINARIE, realizzato con il contributo ed il patrocinio del Ministero per i beni e le attività culturali per il turismo.

Dal 7 maggio, in prima visione assoluta sui vostri schermi di casa: BUIO, di Emanuela Rossi.

ACQUISTA IL BIGLIETTO

Una favola visionaria e coraggiosa, che in questi giorni di quarantena assume una valenza profetica.

 

SINOSSI DEL FILM

Stella, diciassette anni, vive con le due sorelle più piccole, Luce ed Aria, in una casa dalle finestre sbarrate, dove il tempo sembra essersi fermato. Ogni sera, il padre rientra, si spoglia della maschera antigas e della tuta termica, porta il cibo e aggiorna le figlie con i racconti dell’Apocalisse in corso, che continua a decimare l’umanità. Ma all’interno della casa ci sono dei conflitti: le ragazze stanno crescendo, si modificano gli equilibri… Una sera il padre non torna. Stella decide di uscire, per cercare cibo. Una favola visionaria e coraggiosa, che in questi giorni di quarantena assume una valenza profetica.

BUIO è interpretato da Denise Tantucci (Tre Piani), Valerio Binasco (La guerra è finita), Gaia Bocci, Olimpia Tosatto, Elettra Mallaby e Francesco Genovese. Il film, che si avvale delle illustrazioni dell'artista Nicoletta Ceccoli, sceneggiato dalla regista con Claudio Corbucci, anche produttore, ha vinto il Premio Raffaella Fioretta per il Cinema Italiano ad Alice nella Città 2019, è stato presentato in concorso al Tallinn Black Nights Film Festival 2019 ed è stato presentato in concorso al Festival Univercinè Italien di Nantes 2020, dove ha vinto il Prix des Lycéens. Realizzato con il contributo del POR FESR Piemonte 2014-2020 – Azione III.3c.1.2 – bando “Piemonte Film TV Fund” e con il sostegno della Film Commission Torino Piemonte, BUIO è prodotto dalla Courier Film, con la produzione esecutiva della Redibis Film, con Daniele Segre e Daniele De Cicco.

Uscita: 7 maggio 2020
Distribuzione: Courier Film e Artex Film con la consulenza di Antonio Carloni